Cappella delle Anime del Purgatorio

La cappella è la prima da sinistra entrando.

Eretta a metà del 1700 e ristrutturata dopo l'era napoleonica da architetti e scultori milanesi, come indica l'iscrizione sopra la pala, è opera di Alfonso Dupuy.
Nella pala dell'altare sono raffigurate le Anime del Purgatorio (in basso), Maria (figura femminile piccola), Sant'Anna (grande) e Dio Padre con le braccia aperte, in atto di accoglienza (in alto). Opera realizzata nel 1815 dal pittore Pietro Ayres di Savigliano, in sostituzione della pala originale più preziosa, opera del Peruzzi, donata dal re Carlo Alberto e oggi nella real chiesa di S. Cristina (piazza S. Carlo).


In alto, sopra la cappella dedicata alle Anime del Purgatorio, due angeli:
  

- a sinistra il primo sorregge in mano una fiaccola, oggi parzialmente rovinata;
- a destra l'altro affranto porta in mano un teschio.



le nicchie laterali ospitano due statue:
 
- a sinistra la statua di San Pietro con le chiavi in mano per l'apertura delle porte del Paradiso;
- a destra la statua di San Carlo Borromeo, vescovo di Milano che a piedi (1578) venne a venerare la Sindone, come ringraziamento a Dio per la fine della peste (1576).